BLOG

“What will you do with your one wild and precious life?”

È una frase che ho letto per la prima volta in Ecuador, scritta su di un foglio appeso alla porta della comunità di Rhiannon, dove stavo facendo volontariato. Da allora mi è rimasta indelebilmente impressa nella memoria. Qual è la tua risposta?

I bambini insegnano

Vi riporto qui il resoconto di una situazione reale verificatasi in casa famiglia, tra due bambini (D. ed E.) che stavano discutendo mentre io facevo da mediatrice.
D.: “Nessuno vuole giocare con me o condividere i propri giocattoli. Tutti sono cattivi e mi rubano le cose di mano o mi picchiano.”
Io: “D., questo non è vero. So per certo che E. vorrebbe moltissimo giocare con te.”
D.: “Ma lui ha sempre le mani sporche, non voglio giocare con lui.”
[E qui scommetto che ognun@ di voi (me compresa) si sarebbe offes@, invece…]

Stream of Consciousness

 {La Voce del Cuore}  Oggi voglio essere esattamente dove sono Oggi voglio fare esattamente ciò che sto facendo Oggi voglio essere esattamente quella che sono Senza passato, senza futuro, solo esiste il PRESENTEInfinito, senza tempo E il sentire Questo sentire così intenso Come se nel mio cuore scorresse l’acqua di tutti gli oceani del mondoEContinua a leggere “Stream of Consciousness”

Città a misura di chi?

Quello che state per leggere è un pezzo tratto dal mio diario, scritto più di un anno fa, nel gennaio 2020. Ve lo propongo perché penso che alcune riflessioni, per quanto scritte nell’impeto istintivo del momento, possano fungere da stimolo per interrogarsi su qualcosa che, forse, stiamo dando per scontato. Buona lettura! Vivere in città,Continua a leggere “Città a misura di chi?”

Amazon Journal: report of 3 weeks experience into the Ecuadorian Amazon forest

I arrive at Coca at 5 in the morning, after a 7 hours travel by bus. The driver helps me recollecting my stuff – especially my bike – and I’m ready to start cycling and reach Antonio’s house. He’s an Italian friend I met in Quito a few months earlier, and he’s going to hostContinua a leggere “Amazon Journal: report of 3 weeks experience into the Ecuadorian Amazon forest”

My experience at Rhiannon Community: another world is possible

Could you imagine a place far away from the mainstream culture, where living in harmony with Mother Earth and other people is possible? This is the reality at Rhiannon, a community project born in 2008 from the enthusiasm and creativity of two amazing women, Helen and Nicky. They came to Ecuador from England with theContinua a leggere “My experience at Rhiannon Community: another world is possible”

Quanto credi nei tuoi sogni?

16 Marzo 2020 Sabato mattina ci è stata comunicata la notizia che più temevo di ricevere: noi operatori volontari italiani in Servizio Civile all’estero dovremo essere rimpatriati nei prossimi giorni, in seguito all’emergenza sanitaria mondiale causata da COVID-19. Sabato notte non ho chiuso occhio.Ho continuato a girarmi e rigirarmi nel letto, cercando di scacciare leContinua a leggere “Quanto credi nei tuoi sogni?”

Precarietà

Dopo più di due settimane dal mio arrivo a Cayambe, finalmente una mattina mi sono svegliata e l’imponente vulcano – da cui la città prende il nome – ha fatto la sua apparizione da dietro le nubi, che normalmente ne impediscono la visione. Lo spettacolo è durato per qualche ora e io ho approfittato dell’atmosferaContinua a leggere “Precarietà”

Miseria

Io non so nulla della miseria umana.Ho il privilegio di non aver mai dovuto sperimentarla. Io non conosco la fame, quella autentica.Il mio piatto è sempre stato ricolmo di cibo da che ne ho memoria. Io non ho mai sofferto l’abbandono da parte di mia madre, colei che mi ha donato la Vita. Io nonContinua a leggere “Miseria”

Ibarra

8 Marzo 2020 Tre giorni fa ho lasciato Quito per recarmi ad Ibarra, capitale della regione Imbabura nonché mia base di lavoro e di vita per quest’anno appena cominciato. L’arrivo non è stato entusiasmante, anzi a dire il vero è stato piuttosto deprimente: la città era immersa in una coltre di nuvole cariche di pioggiaContinua a leggere “Ibarra”

Vista del cortile dell’ostello “La Casa de la Gringa”

Prime impressioni

4 Marzo 2020 Finalmente, dopo 14 ore di volo, atterro a Quito, la vivace capitale ecuadoriana. Già dall’alto la città mi era apparsa in tutta la sua grandezza: un enorme agglomerato di edifici dai colori chiari collocato ai piedi delle Ande, a circa 2’800 m di quota, circondato tutto intorno da montagne verdi e campiContinua a leggere “Prime impressioni”

Caricamento…

Si è verificato un problema. Aggiorna la pagina e/o riprova in seguito.


Segui il mio blog

Ottieni i nuovi contenuti, spediti direttamente nella tua casella di posta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito